Skip to main content

La spedizione ha un costo di €7,40 ed è gratuita per gli ordini dai €69,90 in su.

Avvertiamo i nostri clienti che non è più possibile garantire l’arrivo dei nuovi ordini prima di Natale.

Inoltre vi segnaliamo che nella settimana da Natale a Capodanno il magazzino di Fattorie Friulane sarà chiuso per le feste.
Tutti gli ordini che arriveranno da Martedì 20 pomeriggio in poi saranno spediti a partire dal 2 gennaio.


Friulano

9,06 

vino friulano

Friulano


Pezzatura: 75 cl

Friulano, DOC Friuli, vitigno autoctono, il Tocai Friulano, è vino dal colore paglierino. Il profumo è delicato, caratteristico, gradevole, al gusto si presenta secco, con netto sentore di mandorla amara, asciutto ma inconfondibilmente morbido e vellutato.

Produttore

Forchir

Nel mezzo dei vigneti di Camino al Tagliamento si trova la modernissima cantina di vinificazione Forchir, costruita n…

Territorio

Medio Friuli

Nel cuore del Friuli, in una dolce pianura, si trovano immersi in una natura sconfinata alcuni comuni caratterizzati …

Abbinamenti

Prosciutto, minestre, carni bianche

Eccellente con il Prosciutto Crudo di San Daniele DOP, e con altri antipasti, anche a base di pescato; zuppe e minest…

Produttore

Forchir

Nel mezzo dei vigneti di Camino al Tagliamento si trova la modernissima cantina di vinificazione Forchir, costruita n…

Territorio

Medio Friuli

Nel cuore del Friuli, in una dolce pianura, si trovano immersi in una natura sconfinata alcuni comuni caratterizzati …

Abbinamenti

Prosciutto, minestre, carni bianche

Eccellente con il Prosciutto Crudo di San Daniele DOP, e con altri antipasti, anche a base di pescato; zuppe e minest…

VITIGNO: Tocai Friulano
ZONA DI PRODUZIONE: Friuli Venezia Giulia
TIPOLOGIA TERRENO: alluvionale, sassoso
EPOCA PREVISTA DI VENDEMMIA: inizio settembre
GRADO ALCOLICO: 12.5% c.ca
RESIDUO ZUCCHERINO: 4.5g/l c.ca
FORMATI DISPONIBILI: borgognotta da 0.75l
CALICE CONSIGLIATO: standard bianco di dimensioni medie
TEMPERATURA DI SERVIZIO: 10°C

Le uve fresche di Friulano giungono in cantina e dalla tramoggia di accoglimento passano nelle presse vacuum, dove a una pressione negativa di -2 BAR e in riduzione di ossigeno (per evitare ossidazioni e fermentazioni incontrollate senza dover aggiungere prodotti chimici) vengono delicatamente premute. In seguito alla svinatura e contemporanea separazione delle bucce dal mosto fiore, quest’ultimo viene convogliato nei vasi vinari in acciaio dove, grazie all’aggiunta dei lieviti, subisce una fermentazione alcolica a temperatura controllata di circa 12° e dalla durata di circa 10 gg. Segue travaso eliminare le particelle più grossolane, dunque un periodo di affinamento sulle proprie fecce nobili. Si prosegue poi con la separazione delle fecce in sospensione attraverso la pratica della decantazione a freddo, in modo che precipitino sul fondo del vaso vinario. Infine, dopo un periodo di calmo riposo, si può procedere all’imbottigliamento.

I Friulano (o “Tocai”, come ancora oggi la gente del Friuli lo chiama) è un vitigno di origini antichissime, risalente sicuramente a più di due secoli fa e quindi difficile da inquadrare; si pensa parente strettissimo del Sauvignonasse Francese. Ad ogni modo oggi è riconosciuto come autoctono Friulano. E’ un vino fermo, di struttura; giallo paglierino. La sua più spiccata e riconoscibile caratteristica è l’inconfondibile aroma di mandorla amara, abbracciata da aromi di fiori bianchi di campo (camomilla, biancospino, acacia…) e dei ricordi di frutta matura. Fresco, sapido e di corpo, in bocca ritroviamo ancora un finale ammandorlato.

L’abbinamento d’eccellenza lo vede accompagnare il Prosciutto Crudo di San Daniele d.o.p.
E’ eccellente anche con altri antipasti, anche a base di pescato; zuppe e minestre. Bene anche con carni bianche: da provare con l’insalata fredda di faraona bollita!


Produttore

Nel mezzo dei vigneti di Camino al Tagliamento si trova la modernissima cantina di vinificazione Forchir, costruita nel 2014, e figlia dei nostri tempi: siamo consapevoli di quanto sia oggi fondamentale rispettare l’ambiente naturale in cui viviamo e da cui otteniamo le preziose uve che utilizziamo per i nostri vini.  Non è più sostenibile uno stile di gestione della cantina vecchio e inquinante. Il nostro impegno si trasforma in una cantina completamente carbon-free, che autoproduce energia rinnovabile dal sole con un impianto fotovoltaico di circa 180kw, in quantità sufficiente da renderla indipendente, ed ha emissioni inquinanti zero. È dotata di presse soffici, controllo automatico delle temperature, vinificazione in assenza di anidride solforosa, impianto di imbottigliamento in ambiente sterile con produzione di 3.000 bottiglie/ora, termocondizionato per un’ottimale conservazione del prodotto.

Azienda fondata dalla famiglia nobile di origine austriaca Forchir, trasferitasi nel cuore del Friuli alla fine del 1800. Dapprima completamente agricola, si specializza nei decenni nella viticoltura e nella trasformazione vinicola, tanto da essere una delle primissime aziende a vendere vino imbottigliato della regione.

L’esperienza e le capacità vengono tramandate di padre in figlio per generazioni, fino all’inizio degli anni ’80, quando l’azienda viene ceduta al giovane enologo Gianfranco Bianchini che già da alcuni anni vi prestava lavoro e consulenza. È in quel momento che ha inizio la storia moderna dell’azienda.


Territorio

Nel cuore del Friuli, in una dolce pianura, si trovano immersi in una natura sconfinata alcuni comuni caratterizzati da una straordinaria biodiversità; essi rappresentano la zona comunemente chiamata Medio Friuli.

Il territorio occupa una posizione mediana all’interno della pianura friulana, ed è ricca di corsi d’acqua e di risorgive. I paesaggi che possiamo osservare variano molto tra loro: si passa dai boschi del Tagliamento ai prati stabili e coltivati, dalle torbiere paludose lungo il corso dello Stella all’area sassosa e arida dei “magredi”, ’ambiente caratterizzato da sassi permeabili che assorbono l’acqua, la quale, silenziosamente, percorre il sottosuolo riemergendo nelle risorgive.

Proprio al centro della zona delle risorgive troviamo la città di Codroipo. Abitata già abitata in epoca romana, deve il suo nome alla parola latina Quadrivium, nome che deriva dalle quattro contrade principali che qui convergevano dall’incontro di due importanti strade romane.

Abbinamenti

L’abbinamento d’eccellenza lo vede accompagnare il Prosciutto Crudo di San Daniele DOP
E’ eccellente anche con altri antipasti, anche a base di pescato; zuppe e minestre. Bene anche con carni bianche: da provare con l’insalata fredda di faraona bollita!