Skip to main content

La Ribolla Gialla: scopri caratteristiche e abbinamenti

La Ribolla Gialla: scopri caratteristiche e abbinamenti
ribolla azienda forchir viticoltori in friuli
La Ribolla Gialla: scopri caratteristiche e abbinamenti
ribolla azienda forchir viticoltori in friuli

In questo blog abbiamo parlato di molti vini della tradizione friulana, come il Refosco, il Verduzzo e il Ramandolo e in questo articolo scopriamo le origini, le caratteristiche uniche e i migliori abbinamenti della Ribolla Gialla.

Si tratta di uno dei vitigini autoctoni a bacca bianca della regione più antichi che ha guadagnato un’ottima reputazione negli anni, come simbolo di tradizione.

Leggi l’articolo se vuoi scoprire la storia di questo vino, le sue caratteristiche uniche e come abbinarlo al meglio!

Le origini della Ribolla Gialla

Questo famoso vino bianco è autoctono del Friuli Venezia Giulia ed è sempre stato presente sulle tavole della nobiltà veneziana.

Il vitigno Ribolla Gialla è uno dei più antichi del territorio, coltivato in Friuli Venezia Giulia, nello specifico nelle province di Gorizia e Udine, e in alcune parti della Slovenia.

Si pensa che questo antico vitigno fosse coltivato già in epoca Romana nelle isole meridionali della Dalmazia. Si ritiene sia stato importato in Friuli Venezia Giulia da mercanti Veneziani intorno al dodicesimo secolo, nel periodo in cui Dalmazia e Friuli Venezia Giulia facevano parte della Repubblica di Venezia.

I vini Ribolla erano ampiamente diffusi nel Medioevo, come emerge da numerosi documenti storici e alcuni vitigni ne hanno assunto il nome, grazie al prestigio ispirato dal vino. Questi vini nel tempo si sono evoluti e sono passati dai filtrati dolci, a quelli fermi, a quelli spumantizzati.

Questo vino viene citato spesso nella storia, infatti sappiamo che nel XIII secolo il Friuli forniva alla Repubblica di Venezia la Ribolla, che “veniva offerta come segno di devozione ai luogotenenti al loro primo ingresso in città”. Scopri di più.

Una curiosità sul nome…
Sai perché si chiama così? Si pensa che il nome derivi dal fatto che in passato il vino ribollisse, a causa della fermentazione.

Le caratteristiche

Scopriamo quali sono le caratteristiche principali di questo vino.

  • Si presenta di colore giallo paglierino.
  • All’olfatto, presenta sentori di fiori d’acacia e note fruttate di mela verde e pesca.
  • Al gusto, è asciuttofresco e citrino.

Nella sua versione spumantizzata, la Ribolla Gialla ha un perlage fine e persistente. Sul nostro sito puoi trovare la Ribolla Gialla e la sua versione spumantizzata, prodotti direttamente dai viticoltori della regione.

Nel complesso, si tratta di un vino versatile, che si presta a diversi tipi di abbinamenti. Continua a leggere per scoprire come abbinarlo al meglio!

I migliori abbinamenti

La Ribolla Gialla si presta a diversi abbinamenti, come aperitivi e antipasti, oppure ai piatti a base di pesce.

tagliere formaggiEcco qualche idea di abbinamento:

Aperitivo con un tagliere friulano. Prepara un buon tagliere di formaggi e salumi friulani, come il Montasio DOP e qualche fetta di salame all’aglio o prosciutto di San Daniele DOP, un po’ di frutta fresca, qualche crostino e il tagliere è pronto, non ti resta che aggiungere un calice di Ribolla Gialla! Puoi trovare tutto l’occorrente sul nostro sito.

 

trota affumicata
Antipasto di trota affumicata

Antipasto con trota affumicata. Abbina la Ribolla Gialla con un antipasto a base di trota affumicata di Sauris, un delizioso filetto di trota friulana affumicato a freddo.

Antipasti di mare, pesce fritto, crostacei e insalata di mare sono tutti ottimi abbinamenti per questo vino elegante.

 

Ribolla spumantizzata e Gubana. La Gubana è un dolce tipico delle Valli del Natisone, con un ripieno ricco e goloso. Solitamente si mangia bagnato nella grappa, ma noi lo abbiamo provato anche con la Ribolla Gialla spumantizzata… guarda il video per scoprire di più su questo dolce!

Adesso che conosci la Ribolla Gialla, provala subito! La trovi sul nostro sito, prodotta direttamente dai viticoltori della regione. È un vino della tradizione che non potrai non amare!
Cin cin!