Skip to main content

I vini friulani da aperitivo

I vini friulani da aperitivo
vini friulani da aperitivo
I vini friulani da aperitivo
vini friulani da aperitivo

Sei un amante degli aperitivi? Se la risposta è sì, probabilmente riconosci bene la seguente situazione.
Finalmente, dopo una lunga giornata di lavoro, puoi concederti una pausa. Sei seduto in compagnia dei tuoi amici e stai già pregustando il momento di relax che hai atteso per tutta la giornata. Non ti resta che ordinare da bere un buon bicchiere di vino e qualche sfizioso stuzzichino. Ma quale vino scegliere?

Leggi l’articolo per conoscere i vini della regione e scopri i migliori vini friulani da aperitivo.

I vini friulani

vini friulani bianchi

Un buon bicchiere di vino ti trasporta in un viaggio di sapori e aromi, alla scoperta del territorio e della tradizione friulana.

La regione del Friuli Venezia Giulia è la patria di molti ottimi vini, riconosciuti dagli intenditori per la loro qualità elevata.
Continua a leggere per scoprire di più su questi meravigliosi vini, dal Friulano, al Ramandolo, al Merlot… vieni a conoscere i vini della tradizione, prodotti con passione e dedizione dai nostri piccoli produttori, con l’obiettivo di portare i sapori e gli aromi del territorio nei calici di tutti gli Italiani.

Ecco alcuni dei nostri meravigliosi vini friulani:

  • Tra i bianchi più conosciuti sicuramente c’è il Friulano, il vino autoctono per eccellenza, noto storicamente come Tocai o Tocai Friulano.
    Il Friulano è un vino bianco, secco, molto apprezzato e dalle origini antichissime. Ha un colore giallo paglierino, sentori floreali e una nota finale tipica di mandorla amara.
    È perfetto come vino da aperitivo o da antipasti e si abbina molto bene anche al prosciutto di San Daniele, ai formaggi giovani e ai piatti di pesce.

 

  • Non possiamo parlare di vini friulani senza citare il Ramandolo!
    Un vino passito prezioso, elegante, da meditazione e non solo! Si presenta dal colore dorato, con riflessi ambrati, ha un profumo intenso, che ricorda la frutta e un gusto morbido “dolce e non dolce”.
    Questo vino è prodotto con le uve di Verduzzo friulano, un vitigno autoctono tra i più antichi del Friuli. La zona di Ramandolo ha un clima e un terreno perfetti per la sua maturazione e per lo sviluppo della parte aromatica del vino. Infatti, in questa zona le uve maturano un mese dopo rispetto ad altre zone dei Colli Orientali e questo è fondamentale per l’appassimento e la concentrazione della parte zuccherina delle uve.
    Nonostante sia un vino passito, non si presta solo all’abbinamento con i dolci, in particolare alla pasticceria secca, ma soprattutto ai formaggi e al prosciutto di San Daniele.
    Questi abbinamenti caratteristici dimostrano che questo vino non sia solo da meditazione ma anche da aperitivo, in grado di rendere speciale la serata.

 

  • Un altro vino tipico friulano che non puoi perderti è il Ribolla Gialla, uno vino elegante che è sempre stato presente sulle tavole della nobiltà veneziana. La Ribolla Gialla è un vitigno autoctono del Friuli Venezia Giulia, già coltivato fin dall’epoca Romana.
    Ha un colore giallo paglierino, presenta sentori di fiori d’acacia e note fruttate di mela verde e pesca. Al gusto, è asciutto, fresco e citrino. È il vino ideale per accompagnare antipasti, piatti e fritture di pesce.

 

  • In seguito, abbiamo un vino rosso, il Merlot! Un vino classico, elegante, dal colore rosso rubino intenso e dal gusto ben strutturato con note fruttate. Si presta sia a piatti semplici, che raffinati, soprattutto con carne alla griglia, primi piatti al sugo di carne, salumi e affettati tipici e formaggi stagionati.

 

  • Un altro vino rosso tipico che non può mancare sulla tua tavola è il Refosco. Un vino dal colore rosso rubino tendente al violaceo, che presenta un profumo ricco, intenso e gradevole e sentori fruttati. Dal gusto ricco, asciutto e pieno che si sposa perfettamente con carni grasse, arrosti e formaggi stagionati.

Una curiosità in più sul vino Ramandolo… guarda il video!

L’aperitivo italiano

Uno dei modi migliori per godersi un bel bicchiere di vino è l’aperitivo! Che sia un momento di relax a fine giornata o una pausa prima di pranzo, l’obiettivo dell’aperitivo è sempre lo stesso: bere qualcosa da soli o in compagnia e “prepararsi” al pasto.

Qualche curiosità…
Lo sapevi che la parola “aperitivo” deriva dal latino “aperitivus”, ovvero “che apre”? Infatti, l’aperitivo si riferisce a una bevanda alcolica o analcolica che ha lo scopo di stimolare l’appetito. Possiamo dire in modo colloquiale che “ci apre lo stomaco” e ci prepara al pasto.

Il momento dell’aperitivo è solitamente la sera, dalle 18 in poi e consiste in bevande alcoliche o non, spesso accompagnate da qualche stuzzichino, più o meno consistente.

LA STORIA
La sua storia è molto antica e viene fatta risalire all’antica Grecia, con il medico e filosofo Ippocrate, uno dei padri della medicina. È stato proprio Ippocrate ad inventare il “primo aperitivo”, il Vinum Hippocraticum, un vino bianco e dolce, che veniva reso amaro dalla macerazione di alcuni fiori al suo interno. Lo scopo di questa bevanda era puramente medico e veniva dato da Ippocrate per aiutare a stimolare l’appetito nei pazienti che soffrivano di inappetenza. Scopri di più.

Possiamo trovare un precursore dell’aperitivo moderno anche nella Roma antica, ovvero il Mulsum, una bevanda a base di vino ad alta gradazione alcolica e miele che aveva lo scopo di stimolare l’appetito in preparazione ai ricchi banchetti.

L’aperitivo come lo conosciamo oggi, invece, nasce a Torino nel 1786, con l’introduzione del Vermut da parte del distillatore piemontese Antonio Benedetto Carpano. Questa bevanda, ottenuta da vino bianco aromatizzato con erbe e spezie, ha riscontrato da subito un grande successo e si è diffusa rapidamente.

Negli anni l’aperitivo ha subito molte variazioni e, ad oggi, sono moltissime le tipologie di bevande utilizzate per accompagnare il momento di relax prima di cena, che variano anche di regione in regione.

I vini friulani da aperitivo

Oltre a quelli che abbiamo citato in precedenza, sul nostro sito puoi trovare diversi altri vini friulani che si prestano all’aperitivo. Di seguito ne trovi alcuni esempi:

prosecco doc san carlo• Il Prosecco DOC extra dry di San Carlo. Il Prosecco è uno dei vini da aperitivo per eccellenza, l’ideale per passare una serata in compagnia.
Dal colore giallo paglierino, con riflessi verdognoli, presenta un aroma fruttato e floreale, con prevalenza di mela verde, pesca e sentori di fiori d’acacia e gelsomino.
Al gusto è fresco, con una nota dolce e morbida che poi lascia spazio alla nota acida.

 

 

spumante san carlo• Lo Spumante bianco extra dry di San Carlo, che ha ottenuto la Top Quality attuando i più avanzati sistemi di Coltivazione Vinicola utilizzando la Tecnologia Dinamica per la coltivazione dell’uva.
Questo sistema è in grado di ottimizzare la maturazione dell’uva Glera, esaltandone i profumi floreali e agrumati.

 

 

 

sauvignon wine sofia• Il Sauvignon DOC di Wine Sofia. Un vino dal colore giallo paglierino vivace e brillante, con evidenti riflessi verdognoli. Presenta profumi freschi e incisivi di lime, frutto della passione e mentuccia.
Al gusto si presenta morbido, sapido e aromatico, con sottili note citrine.

 

 

 

Conte Sauvignon• Il Sauvignon di Vigneti Conte. Un vino elegante, di derivazione francese, che si sceglie per la sua piacevole fragranza, unita alla freschezza.
Ottimo come aperitivo, in quanto molto versatile.

 

 

 

Conte Keit• Il Keit di Vigneti Conte. Il vino spumante ideale come aperitivo e a tutto pasto, per rendere ogni momento un’occasione speciale per festeggiare.

 

 

 

fattoreffe spumante dolce• Il vino Rosato Spumante dolce di La Fattoria di Pavia. Uno spumante dal profumo intenso e delicato, con un perlage fine e persistente.
Ottimo come aperitivo after work con stuzzichini raffinati, formaggi, composte e salumi.

 

6 Idee di aperitivo con i vini friulani

In generale, il vino è rimasto una delle bevande più scelte per accompagnare di pausa e relax di fine giornata.

Il Friuli, con la sua ampia tradizione vitivinicola, offre molte scelte di ottimi vini da degustare durante l’aperitivo. Continua a leggere per scoprire abbinamenti, idee e stuzzichini per un aperitivo friulano eccezionale!

Il tagliere di salumi, formaggi… e vino rosso
Un buon tagliere con il formaggio Alto But 4 mesi, qualche fetta di prosciutto di San Daniele, salame con aglio e un bel bicchiere di vino Refosco o Merlot, in base alle preferenze.

Il tagliere di formaggi, composte… e vino bianco
Un mix di formaggio Mentalino di Latteria di Lavariano, crostini di mais, composte di frutta e miele, per un tagliere da leccarsi i baffi, da accompagnare al Sauvignon di Vigneti Conte.

Il tagliere elegante di frutta, formaggio… e Prosecco
Un aperitivo a base di formaggio Montasio, frutta fresca e miele, accompagnato dall’immancabile bicchiere di Prosecco extra dry di San Carlo.

Uno stuzzichino unico e tradizionale
Con un bel bicchiere di Refosco si può degustare al meglio la Pitina IGP, un salume tipico della tradizione friulana, magari accompagnato anche da qualche fetta di pane.

L’aperitivo di pesce
Per un aperitivo più elaborato, prova l’antipasto di Trota affumicata. Trovi la ricetta, preparata dalla chef friulana Lorena De Sabata, sul nostro sito! Da accompagnare a un bicchiere di Ribolla Gialla, ottimo con il pesce!

L’ “aperi-cena”
Se hai abbastanza fame, ti proponiamo qualche fetta di Frico e polenta con un bicchiere di Cabernet Sauvignon IGT. Trovi la video ricetta del Frico alla carnica con i semi di zucca preparato dalla chef Lorena De Sabata sul nostro sito! Se invece preferisci non cucinare, puoi scegliere il frico già pronto, preparato dai nostri produttori.

Un consiglio in più…
Mi raccomando, ricordati di servire il vino alla giusta temperatura per degustarlo al meglio.
In generale, i rossi vanno serviti a temperatura ambiente o leggermente freschi e i bianchi vanno tenuti al fresco prima di essere serviti e, una volta aperti, andrebbero mantenuti nel ghiaccio.
Per scoprire di più sulle temperature di servizio dei vini e sulla scelta dei calici, visita il sito di uno dei nostri produttori qui!

Alla fine, non esiste una regola precisa, il miglior vino da aperitivo è quello che preferisci tu! Adesso sai tutto quello che serve per creare degli aperitivi tradizionali con i vini friulani davvero invidiabili. Cin cin!